Marco De Liso | La mia intervista su La Voce di Rovigo
317
post-template-default,single,single-post,postid-317,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive,elementor-default

La mia intervista su La Voce di Rovigo

A volte pensi che i tuoi sogni siano irrealizzabili. A volte pensi che per farcela serva per forza avere un “aiutino” o essere pieni di soldi di famiglia.

Ma a volte si riesce a dimostrare il contrario, riesci ad ottenere quello che volevi, ti senti felice e inizi a pensare che puoi davvero farcela.

Questo è quello che mi sta succedendo con il mio percorso di lotta ai canoni di bellezza.

Voglio divulgare un metodo di fotografia che va contro i classici stereotipi della maggior parte dei fotografi attuali.

Ne ho parlato in una intervista rilasciata al giornale La Voce di Rovigo che ha suscitato un polverone nel mondo dei fotografi italiani!

Si sa, quando ti esponi e dici quello che pensi trovi sempre qualcuno che deve avercela con te, ma per fortuna allo stesso modo trovi molte più persone che sono d’accordo con quello che dici.

Ha generato un vero e proprio attacco mediatico pubblico!

Ma cosa conteneva questo articolo?

Di seguito alcuni stralci.

“Mi sono reso conto che ora nessuno sta lasciando un ricordo, un’emozione alle future generazioni. Così ho cominciato a dedicarmi ai ritratti.”

Adoro osservare la reazione che hanno le mie clienti quando vedono il loro ritratto. C’è chi si emoziona, chi piange…ti fa capire che hai fatto un buon lavoro, sei riuscito a farle sentire belle e a creare un ricordo senza tempo.

Non hai mai pensato di allestire una mostra per esporre al pubblico le tue opere?

“Non mi interessano molto questo tipo di cose. Io non mi considero un artista, l’artista crea per un piacere personale, per il piacere di chi guarda, per comunicare o per creare scalpore. Io, a differenza della maggior parte degli altri fotografi, mi interesso solo dell’opinione della persona ritratta, voglio che la foto piaccia a lei, che lei si senta bella, quello che pensano gli altri importa poco.”

Puoi leggere l’articolo integrale a questo link: Versione digitale de La Voce di Rovigo 26 novembre 2017

null

Vuoi progettare il tuo Ritratto Contemporaneo?

Prenota l’appuntamento “Progetto Ritratto” e ci troveremo nel mio studio di Fiesso d’Artico per una consulenza personalizzata e scoprirai qual è il tuo ritratto ideale.

Scopri di più »

Marco De Liso è il primo fotografo in Italia specializzato in Ritratto Contemporaneo, ed ha portato il concetto di Ritratto Professionale anche alla portata di chi non è una fotomodella/un fotomodello ma vuole un ritratto che evidenzi la sua bellezza.

Nessun commento

Scrivi un commento